• lucia personalCoach

Scegliere di amarci, momento dopo momento

Aggiornato il: 8 dic 2019

Nel flusso delle esperienze quotidiane, nelle piccole cose di tutti i giorni troviamo le risposte della vita alla domanda "Sei felice?".


La Vita, attenta com'è ad ogni dettaglio, ci propone di continuo esperienze vive corrispondenti al nostro livello di sviluppo emotivo, mentale, animico e spirituale.


Guardare bene dentro a quelle esperienze in modo da comprendere a quale livello ci sta dando risposta in modo da saper continuare il percorso verso il nostro massimo livello evolutivo personale senza perderci sempre nelle stesse dinamiche relazionali e/o sistemiche che, come "meandri" infiniti e affascinanti, potrebbero farci impiegare tantissimo tempo dandoci l'illusione di una risoluzione ma facendoci invece ripercorre sempre le stesse strade è ciò che la Vita si aspetta da Noi.


In altre parole, diventare ogni giorno più capaci di amarci scegliendo momento dopo momento ciò che per noi va bene oppure no dipende dal continuare a portare l'Attenzione al conoscere profondamente e consapevolmente noi stessi senza lasciarsi distogliere da nulla: né da problematiche globali e planetarie sempre più complesse e ben lontane dalla possibilità di esser risolte, né dai "giochi" sempre uguali che i sistemi in cui siamo inseriti ci propongono.


Saperlo fare è ciò che ci farà rispondere adeguatamente alla Vita e, da quel piccolo e infinitesimale punto sano, portare nel mondo qualcosa di straordinario, infinitamente prezioso e unico; il "problema" nasce spesso dal non riuscire a capire a quale livello ci troviamo e a quale area si applichi la "lezione" contenuta nel suo feed back.


Mi spiego meglio.


Quì a Trieste, quando fu costruito il nuovo (ormai vecchio ma nonostante ciò sempre work in progress) ospedale presentava una architettura identica in ogni piano delle due torri - dal primo all'ultimo - ma, ritenendo urgente la sua messa in opera si bypassò l'assenza di indicazioni necessarie a distinguere un livello dall'altro come qualcosa di non urgente rispetto alla necessità di rendere operativa la struttura sanitaria, cosa che creò per un certo numero di mesi - se non anni - delle notevoli perdite di tempo tra un piano e l'altro dell'edificio: meno male che almeno le due torri, una medica e una chirurgica, furono differenziate da colori diversi.


L'immagine metaforica dell'ospedale in costruzione è una semplificazione rispetto a quanto accade allo sviluppo della coscienza in quanto ogni livello delle sue quattro aree principali ci può bloccare o far fare un balzo quantico rispetto alla sua struttura complessiva: è questo che fa della Coscienza Umana qualcosa di straordinario.


A differenza di altre Coscienze che poggiano il loro sviluppo soltanto sulle acquisizioni collettive, quella Umana si avvale di entrambe le modalità, cioè quella collettiva e e quella Individuale, ma tra le due è proprio la Coscienza Individuale quella in grado di fare la differenza sia a livello individuale che collettivo; va da sé, quindi, che la capacità di coltivare, mantenere e incrementare la propria ha un'importanza di fondo pari a quella che una sola cellula sana che emette la giusta frequenza di salute ha in un corpo danneggiato in qualche sua parte.


Così, saper riconoscere a quale livello e in quale area si riferisce l'esperienza che viviamo nel nostro quotidiano ci darà l'orientamento a procedere senza tentennamenti per raggiungere lo Scopo che ha motivato la nostra nascita esperendo finalmente felicità e successo.


Tu sei felice? La Vita te lo sta chiedendo in qualche modo?


Per conoscere davvero la propria storia e la verità in essa nascosta le parole sono insufficienti, ma la vita va al di là delle parole non facendosi ingannare da esse: va dritta al punto con le sue frequenze che rispondono sempre perfettamente alle nostre, come un diapason.




L.


0 visualizzazioni